domenica, giugno 13, 2004

Prodi

Riporto un post da Capperi!.
Financial Time 27 maggio 2004: Prodi? La sua performance come presidente della Commissione è orrenda... non ha dimostrato larghezza di vedute, né l'attenzione ai dettagli richieste per uno degli incarichi più prestigiosi del mondo. Manager incapace, gli ha fatto difetto la capacità di comunicare, con un'allarmante propensione alla gaffe... la sua decisione di partecipare alla campagna elettorale italiana è cosa contrartia allo spirito e alla lettera dei trattati Ue

venerdì, giugno 11, 2004

Chiacchiere

Ecco, lo so che forse dovrei aver più considerazione per quello che viene presentato come uno studio serio sul mercato del lavoro, ma l'idea che dovrei attendermi prospettive occupazionali come "Mobility Manager" mi pare una boiata pazzesca. Quanto al sociologo De Masi, al solo sentirlo nominare mi rotolo sul pavimento dalle risate.

La uno, la due o la tre?

Lantanomai approfitta della effimera celebrità di questi giorni per rispolverare un suo vecchio cavallo di battaglia: ma secondo voi è giusto e utile che la selezione del personale nelle grandi aziende sia affidata a società esterne il cui personale è, nella maggior parte dei casi, totalmente ignorante nel campo delle competenze richieste al candidato? E' giusto, secondo voi, che il profilo psicologico del candidato possa rientrare tra i criteri di valutazione? Se non sbaglio, il processo di selezione non può discriminare i candidati sulla base del sesso o della religione; perché invece si ammette una discriminazione sulla base del profilo psicologico? Tra l'altro, non sto parlando di figure come l'animatore turistico, che in effetti avrebbe qualche problemino a svolgere il proprio lavoro se fosse, che so, timido o irascibile, ma di tutti quei normalissimi lavori in cui si devono instaurare al più le normali relazioni tra colleghi. Ora, a parte due risposte che già mi aspetto e cioè che bisogna lasciare decidere il mercato e solo il mercato, oppure che le dinamiche psicologiche dei gruppi sono importantissime in ogni attività umana, qualcuno sa darmi una risposta convincente?

cfr. curriculì curriculà di descansate niño

giovedì, giugno 10, 2004

Personaggio televisivo dell'anno

Cari talent scout, creatori di personaggi televisivi, mauriziocostanzi e mariadefilippi vari, lasciate perdere bonazzi palestrati e bonazze rifatte, ve lo dico io su chi dovete investire: il personaggio dell'anno è Antonella Agliana. Però, poi, quando il vostro direttore di rete vi dirà che siete stati geniali, ricordatevi che l'avete letto qui.

Lusofoni

I portoghesi, ve l'ho gia detto tante volte, sono un popolo strano. Anche questa volta, in occasione dei campionati europei di calcio, non smentiscono la loro fama: avrebbe potuto essere la volta buona per rilanciare un po' l'immagine di un paese che "peggio di noi solo Grecia e Portogallo" e invece mi sembra che abbiano sperperato tutto costruendo stadi faraonici. Tanto per farvi un esempio, in Portogallo si producono ottime birre sconosciute nel resto d'Europa, una tra tutte la leggendaria Superbock, che a Lisbona credo sia di gran lunga la bevanda più bevuta, anche e soprattutto più dell'acqua. E qual è lo sponsor degli Euro 2004? Carlsberg, naturalmente. E poi, qual è la moda dell'estate? Le magliettina con i colori verde-oro e la scritta Brazil. Nemmeno Brasil, Brazil. Mah.

lunedì, giugno 07, 2004

Emma Bi

Emma Bi, i blogs per Emma Bonino

sabato, giugno 05, 2004

Il manifesto che non t'aspetti

Quasi tutti i partiti hanno pagato cifre astronomiche gli addetti alla comunicazione per avere dei noiosissimi manifesti elettorali che sembrano pieghevoli aziendali, senza un minimo di coraggio, senza un'idea forte, tutti uguali, col faccione e lo slogan trito e ritrito.
Poi arrivano questi:



e capisci che c'è del genio.