domenica, febbraio 16, 2003

Capperi!

Per la gioia dei fans di Luigi Castaldi (e se non sapete chi è peggio per voi), ecco il suo blog qui e forse prima o poi anche qui!
(Ma non prendetevela con me se è vuoto....)

giovedì, febbraio 06, 2003

Latina è una città bruttissima con un cimitero bellissimo.

mercoledì, febbraio 05, 2003

Incontri al Chiostro

Lunedì 10 Febbraio uscite e comprate il cd dei Massive Attack, poi, verso le 11, venite qui a sentire una conferenza di Giorgio Israel sul tema La visione matematica della realtà.


Incontri al Chiostro
Roma, Facoltà di Ingegneria Università La Sapienza,
Aula del Chiostro, Via Eudossiana 18
ore 11:00

martedì, febbraio 04, 2003

Nocturama

Se state uscendo per andare a comprare il nuovo cd di Nick Cave, Nocturama, fermatevi, rimettere i 20 € nel salvadanaio e ringraziatemi. Una volta tanto anche il grande Nicola Caverna ha fatto un passo falso: 10 canzoni anonime, non un capolavoro, anzi nemmeno un brano che resti in mente, ovunque una sensazione di già sentito, impietoso confronto con i tanti gioielli precedenti. Conservate i vostri dindi e aspettate una settimana: il 10 esce il nuovo cd dei Massive Attack, di cui si dice un gran bene. Speriamo.

lunedì, febbraio 03, 2003

Lo sguardo e l’anima. La poetica africana di Paolo Bocci.
7 febbraio - 30 aprile 2003

Vi segnalo una mostra che forse è interessante, ho visto qualche foto e mi sono piaciute molto. Il museo è a Piazza Marconi, all' EUR. Ecco il comunicato stampa:

Il 6 febbraio 2003 alle ore 17, presso il Museo Nazionale Preistorico Etnografico Luigi Pigorini in Roma sarà inaugurata la mostra fotografica "Lo sguardo e l'anima, la poetica africana di Paolo Bocci". La mostra nasce da una collaborazione tra il Museo Pigorini e l'Associazione di Cooperazione Internazionale Miche con l'obiettivo di stimolare una conoscenza più approfondita del continente africano e dei suoi problemi. L'occasione è stata offerta da Paolo Bocci che ha messo a disposizione la sua vasta produzione fotografica sull'Africa (dagli anni '50 al 1980), Paese dove ha soggiornato a lungo in qualità di agronomo tropicalista. All'apertura della mostra seguirà un incontro sul tema "Africa: sviluppo insostenibile" con interventi del sociologo Serge Latouche, dello storico Carlo Carbone e del giornalista J. Lèonard Touadi. Paolo Bocci nasce a Firenze nel 1932, nel periodo universitario entra nell'associazione "Misa" costituita da un gruppo di fotografi che con il loro "realismo", aprono nuovi orizzonti all'Arte fotografica italiana, ponendosi come innovatori rispetto alla tradizione italiana fino allora ancorata alla "pictorial photography". Nei primi anni '50, insieme a Giacomelli, Branzi, Camisa, Cavalli ed altri espone le sue opere in numerose mostre in Italia ed all'estero (1953-54 Roma, 1955 Genova, 1956 Palazzo Strozzi, Firenze, 1964 Palazzo delle Esposizioni, Roma e poi Lisbona, Lorenzo Marques-Mozambico, New York). Le sue foto appaiono su numerosi giornali e riviste specializzate: Il Mondo, Il Caffè, Rivista fotografica italiana, Ferrania, Diorama etc. e sulla Enciclopedia Italiana Treccani.

domenica, febbraio 02, 2003

Prendere il Nobel fa un brutto effetto, a volte

Berlusconi ha commissariato il cnr, non ho ancora capito se vuole ristrutturarlo o vuole affondarlo, forse non lo sa bene ancora nemmeno lui. Rita Levi Montalcini è indignata e rilascia un'intervista su la Repubblica in cui dice:

Repubblica:Adriano De Maio, il nuovo commissario, era rettore della Luiss: è un messaggio di "privatizzazione"?

Rita Levi Montalcini:"Non lo conosco personalmente, quindi non posso giudicarlo. Quello che posso dire, però, è che si tratta di un ingegnere e non sa niente di biologia. Per questo, immagino, avrà difficoltà a svolgere il suo compito".

Qualcuno mi spieghi per quale motivo il commissario del cnr dovrebbe per forza essere un esperto di biologia! Se non sbaglio il cnr si occupa di ricerche in tutti i campi dello scibile umano, sia in campo umanistico che scientifico,e non si capisce per quale motivo il commissario dovrebbe essere esperto di biologia e non per esempio, uno studioso di Ottiero Ottieri. L'unica risposta è anche la Montalcini ha avuto un riflesso da burocrate corporativista: siccome io sono una grande biologa, allora la biologia è la cosa più importante del mondo. Buuuuuuuuuuuuuuuu!

la Repubblica

sabato, febbraio 01, 2003

Non vedo l'ora di invecchiare

Ieri il comune di Roma mi ha omaggiato, in quanto gggiovane under 30, della fantastica go.card. Sconti! Agevolazioni! Vivere il tempo libero in modo creativo! Sì ma in pratica? Tutte le informazioni sul sito www.gocard.org che però, guarda che sfiga, non funziona. Ma dalla fantastica documentazione allegata scopro che mi hanno regalato 5 ore di internet gratis con Tiscali e uno sconticino sull'iscrizione al cts. In pratica una bieca operazione commerciale spacciata per attività per i giovani. L'anno prossimo si pagherà 6 euro, quasi quasi mi metto già in fila per comprarla. Ma che culo averla gratis per un anno! A quanto pare il Rutellone prima di andar via deve aver spiegato a Veltroni che basta inviare un pezzo di carta bello colorato con sopra uno sconto per McDonald o per una mostra fighettona e poi si può andare in giro a dire che si fanno politiche per i giovani.

La tv è deficiente ma la radio è una rottura di palle

Ma perchè tutti parlano della stupidità della tv e nessuno dice mai una parola sulle ore e ore di noia che vengono trasmesse dalla radio? Oggi su RadioUno mi sono sorbito non so quante volte il cciss viaggiare informati, e va bene, fa molto servizio pubblico. Ma il massimo è stata una trasmissione, mi pare si chiami Fantasticamente, in cui la conduttrice ed uno psicologo parlavano, anzi marzulleggiavano sul coraggio. Il nostro psicologo sputasentenze ha definito il coraggio come qualcosa di cui si avverte la mancanza ma non la presenza. Per esperienza famigliare posso assicurarvi che è una definizione perfetta anche per la tiroide. E poi ecco che arriva il pistolotto sul coraggio dei pompieri! Non si sono fatti mancare nulla del repertorio di luoghi comuni da tema libero di terza media. Ecco, se due parlassero così a casa mia li butterei fuori a calci nel culo. E poi la gente parla male di Alda D'Eusanio.