sabato, gennaio 31, 2004

L' outlet de noantri

MAS Finalmente una buona notizia: MAS non chiude. Cos'è MAS? Va bene, se non vivete a Roma siete parzialmente scusati, altrimenti dovreste vergognarvi un po'. MAS, che sta per Magazzini Allo Statuto è un' istituzione del trash mondiale: ufficialmente è un grande magazzino, e ci si trovano vestiti, tessuti, scarpe, bigiotteria e bel po' di altra roba(ccia), ma non è questo il punto, è il suo valore simbolico che è importante. Entrarci è un'esperienza che ti cambia, davvero, c'è un mio amico di Parigi che ogni volta che capita a Roma passa mezza giornata a perdersi tra i banchi di questo storico locale.
All' esterno sembra un negozio quasi rispettabile, specialmente ora che il quartiere in cui si trova, l'Esquilino, è diventato un ricettacolo di bettole cinesi, ma appena entrate capite dove siete finiti: l'atmosfera ha qualcosa di porta portese e di un suk tunisino, la merce è sublimamente dozzinale, i prezzi sono sconvolgenti: pantaloni a 10 euro, reggiseni a 2 euro e mutande a 50 centesimi, e la qualità, ovviamente, è quella che vi meritate, cioè le cose fanno schifo ma così schifo che non potete non commuovervi e comprare qualcosa.
Tanto per farvi capire di che posto stiamo parlando, sappiate che er Piotta l'ha scelto per girarci un video, e mai location fu tanto azzeccata. Da non perdere è il reparto "gran moda", dove potete comprare a 50/60 euro degli abiti da cerimonia ideali per un battesimo nei sobborghi di Valona. La pubblicità di MAS, poi, è da Oscar: viene trasmessa di solito la domenica pomeriggio sui canali locali romani, quelli sfigati delle cartomanti e dei numeri hard, ed è un cortometraggio di una decina di minuti in cui Alvaro Vitali (sì, proprio lui), si esibisce nelle sue solite scenette trash in compagnia di una degna compare che dovrebbe fare la parte della bonazza provocante in cerca di un regalino: imperdibile la scenetta in cui vuole farsi comprare i jeans "di tendenza", quelli scoloriti sulle chiappe.
Insomma, parlo seriamente, se capitate a Roma, lasciate perdere il Colosseo e San Pietro e venite a vedere uno dei simboli viventi di Roma e della Romanità: fatevi un giro da MAS. Se proprio ci tenete alla tradizione potete gettare la monetina nel cestone delle mutande a 50 centesimi.
Il degno sito di MAS

4 Comments:

Anonymous Arnold Layne said...

Mah..non capisco perchè parlarne male..mi sembra che esalti solo il lato folkroristico.
A mio avviso ci si può trovare tanta roba interessante e utile..a meno che tu non abbia la puzza sotto al naso

28 maggio 2007 06:04  
Anonymous Anonimo said...

Io sono di Bolzano ma ho la fidanzata a Roma e per la prima volta la settimana scorsa mi ci ha portato....E' VERAMENTE UN ESPERIENZA CHE TI CAMBIA LA VITA!!!! Troppo trash!!!!uhuhhAhaHhaHAH..... ci tornerò ogni volta che vengo nella capitale!!!

22 agosto 2007 19:46  
Blogger Carlo said...

La tipa che faceva la pubblicità con Alvaro Vitali è sua moglie!

15 marzo 2008 12:24  
Anonymous Anonimo said...

GRANDE!!!!!!!!!!!!!!! BELLISSIMA DESCRIZIONE, BELLISSIMO POSTO!!! SOLO A ROMA NOSTRA ESISITONO ANCORA I POSTI DEL GENERE. Ma non tutti lo possono capire.
Saluti, Eli

8 dicembre 2009 23:09  

Posta un commento

<< Home